Dieta Chetogenica

La dieta chetogenica VLCKD è un particolare protocollo dietetico utilizzato soprattutto per coloro che necessitano di un dimagrimento veloce (per esempio in quei soggetti che che devono sottoporsi ad interventi chirurgici, in cui l’eccesso di grasso può rappresentare un fattore di rischio importante oppure nei soggetti che, nonostante le diverse diete seguite, non hanno avuto grossi risultati in termini di perdita di grasso).

Il protocollo prevede la diminuzione degli introiti glucidici e lipidici, mantenendo un apporto proteico nella norma, secondo il fabbisogno individuale, e un apporto di micronutrienti (minerali, oligoelementi, vitamine) secondo gli RDA (dose giornaliera raccomandata). In alcuni casi tali richieste vengono raggiunte utilizzando alimenti proteici “speciali” (ovvero creati appositamente per rispettare le indicazioni nutrizionali necessarie) da abbinare ad una buona idratazione e supplementazione di vitamine e sali minerali.

Il principio scientifico alla base della dieta chetogenica VLCKD è semplice: il ridotto contributo calorico degli zuccheri, creato dalla dieta, obbliga l’organismo ad utilizzare come fonte energetica i propri grassi corporei che, per essere utilizzati, devono essere prima trasformati in corpi chetonici (acetone, aceto acetato e 3-β-idrossi-butirrato), innescando la chetosi, termine con il quale si fa riferimento ad un accumulo di corpi chetonici nel sangue. Tale fenomeno, per inciso, si verifica anche quando un soggetto pratica il digiuno. Il cervello rappresenta l’organo che per primo si adatta all’utilizzo di questi metaboliti, e proprio grazie a questa caratteristica la dieta procede in assenza di fame e in pieno benessere psicofisico.

Il protocollo VLCKD è di breve durata (qualche settimana), a cui seguirà un periodo di dieta di reintroduzione graduale dei carboidrati e dei grassi, fino a raggiungere la quota raccomandata, per arrivare alla dieta bilanciata di mantenimento del peso raggiunto.

Non tutti i soggetti possono seguire tale protocollo, sarà necessaria, infatti, un’attenta valutazione degli esami ematici e di altri parametri prima di seguire questo tipo di percorso dietetico.

Indicazioni della dieta chetogenica:

  • Obesità con BMI>30
  • Sovrappeso con BMI >25 e <29,9
  • Sovrappeso associato a fattori di rischio (Diabete tipo 2, Dislipidemia, Ipertensione)
  • Adiposità “localizzata”
  • Per intervento chirurgico (riduzione rischio anestesiologico)
Dieta Chetogenica