Benessere Intestinale

I problemi intestinali rappresentano attualmente un problema sociale, creano diversi spiacevoli inconvenienti come colite, stitichezza, gonfiore e dolori addominali, meteorismo, flatulenza, diarrea ecc.

Nel nostro intestino convivono diverse specie batteriche, nell’insieme denominato “microbiota” che assolvono ad importanti funzioni fisiologiche: assorbimento dei nutrienti, funzioni metaboliche e immunitarie. Il corretto equilibrio del microbiota determina un altrettanto corretto funzionamento della funzione intestinale.

Dall’intestino dipende il nostro benessere!

Molto spesso l’equilibrio intestinale viene alterato (disbiosi)  e questo legato a svariati motivi tra cui: cibi contaminati da fertilizzanti, conservanti alimentari, alimentazione scorretta, farmaci, lassativi, antibiotici, stress, vita sedentaria ecc.

Una condizione persistente di disbiosi può portare a patologie più o meno gravi, tra cui:

  • predisposizioni ad infezioni ricorrenti, allergie, intolleranze e malattie autoimmuni;
  • infezione da funghi, in particolare la candida e l’herpes;
  • disturbi dell’umore, stanchezza, irritabilità, difficoltà di concentrazione, depressione;
  • diarrea, stitichezza, meteorismo;
  • cefalee, generalmente associate a debolezza;
  • acne ed altre affezioni della pelle;
  • vaginiti ed infezioni alle vie urinarie;
  • disturbi digestivi;
  • osteoporosi e reumatismi;
  • ritenzione idrica;
  • insonnia;
  • obesità e difficoltà alla perdita di peso con le diete classiche.

Presso il mio studio sarà possibile richiedere i seguenti test:

  • DISBIOSI INTESTINALE
  • ZONULINA FECALE
  • COPROCOLTURA PER LIEVITI (CANDIDA)
  • CALPROTECTINA FECALE
  • RICERCA PARASSITI INTESTINALI
  • RICERCA DI SANGUE OCCULTO NELLE FECI
  • ELASTASI PANCREATICA
  • STUDIO DELLA FLORA BATTERICA INTESTINALE (MICROBIOTA)
  • TEST GENETICO DEL MICROBIOTA

Il DISBIOSI TEST è un esame che dosa nelle urine, i due indicatori della disbiosi intestinale : INDICANO e SCATOLO.

Questi due indicatori permettono di determinare se è presente un’alterazione della flora batterica intestinale e capire se vi è la presenza di una flora di tipo putrefativa, derivante dalla fermentazione delle proteine alimentari, oppure fermentativa determinata dai carboidrati.

Conoscere i valori di INDOLO e SCATOLO permette di curare e monitorare la guarigione della disbiosi consigliando il protocollo terapeutico più adatto.

 

In collaborazione con: